Ascent GroupAscent Group
Ascent Group. Consulenza aziendale

Il rientro a scuola. Che possono dare i lavoratori ed i datori di lavoro se le scuole chiudono oppure i corsi sono sospesi?

Mancano pochi giorni fino all'inizio di un nuovo anno scolastico. L'incertezza e la paura che le scuole rimangano chiuse e i bambini restano a casa, oscura la gioia dei genitori, che è specifica di questo momento.

I datori di lavoro non sono ancora più rassicuranti. A partire dal 14 settembre devono preoccuparsi anche dei dipendenti che hanno figli. Questi ultimi possono rimanere a casa per sorvegliare i loro figli se le scuole sono chiuse.

Il Governo, tuttavia, sembra pronto a concedere benefici ai genitori in questa situazione. Resta da vedere cosa faranno i datori di lavoro senza questi dipendenti a tempo indeterminato.

Secondo l'ordinanza di emergenza 147/2020 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il venerdì, in caso di limitazione o sospensione dell'attività didattica nelle scuole, asili e asili nido, a causa della pandemia di coronavirus COVID-19, i dipendenti che hanno figli potranno chiedere giorni liberi retribuiti a determinate condizioni.

Come sappiamo, gli scenari del corso tengono conto anche delle opzioni in cui alcuni o tutti gli bambini seguono corsi online a casa. Secondo il decreto, giorni di riposo saranno concessi solo a uno dei genitori se hanno figli fino a 12 anni, cioè fino a 26 anni se hanno disabilità e l'altro genitore non beneficia anche di tempo libero.

Non beneficierà di questa facilità il genitore che:

  • c'è nel congedo parentale;
  • è l'assistente personale di uno dei figli a carico;
  • sono in ferie o in congedo non retribuito;
  • ha un rapporto di lavoro sospeso in caso di cessazione temporanea dell'attività del datore di lavoro;
  • non ricavano alcun reddito dagli stipendi o simili ai salari

E come si procede?

  • Per beneficiare di tali ferie, il genitore che cura il figlio presenta una domanda al datore di lavoro, accompagnata da una dichiarazione sotto la responsabilità dell'altro genitore attestante che non ha presentato domanda di congedo nel luogo di lavoro o che non è stato sospeso per cessazione temporanea dell'attività del datore di lavoro;
  • La domanda del lavoratore è accompagnata da una copia del certificato di nascita di ciascun figlio o del documento che attesta la sua/sua qualifica di genitore e se del caso, una copia del certificato di lavoro nel grado di disabilità del figlio o dell'adulto fino a 26 anni di età

Il datore di lavoro non può rifiutare la richiesta del genitore. È praticamente obbligato a concedere il tempo libero richiesto, altrimenti rischia una multa sostanziale e dovrà trovare soluzioni per coprire il lavoro dei dipendenti/dipendenti mancanti.

Ma neanche il dipendente sarà molto felice, soprattutto per i dipendenti con redditi più elevati. L'indennità che il dipendente riceverà per ogni giorno libero sarà del 75% dello stipendio base corrispondente a un giorno lavorativo, ma non più del corrispondente del 75% dello stipendio lordo medio.

Il datore di lavoro pagherà al lavoratore l'indennità (che è soggetta a tassazione e pagamento di contributi sociali, sanitari e sociali, nonché il pagamento del contributo di assicurazione del lavoro) e regolare gli importi pagati in questa voce dal AJOFM.

Le domande di recupero delle somme versate ai lavoratori dipendenti a titolo di compensazione e dei documenti giustificativi saranno presentate per via elettronica o in forma liometrica, entro 30 giorni dalla data di versamento dei contributi e delle imposte a titolo di compensazione, e la liquidazione degli importi versati a titolo di indennità è effettuata entro 15 giorni di calendario dalla data di registrazione dei documenti.

La procedura, i documenti giustificativi e il loro modelli devono essere stabiliti per ordine del presidente dell'Agenzia Nazionale per l'Occupazione, che è pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Romania.

Raccomandiamo quindi ai datori di lavoro di pensare in una fase precoce ad una strategia per affrontano tali situazioni, soprattutto perché l'assenza indefinita di dipendenti può rendere il lavoro più difficile e generare costi aggiuntivi.

L'adozione di programmi di lavoro flessibili, la telemunca e persino il coinvolgimento nella ricerca di alternative per l'educazione dei bambini, allevieranno la pressione generata dall'imprevedibilità della consegna scolastica.

Copyright© 2005-2020, Ascent Group. All rights reserved. Politica de confidențialitate (Privacy policy)