Ascent GroupAscent Group
Ascent Group. Consulenza aziendale

Le molestie e discriminazioni sul lavoro sono state ridefinite dal codice del lavoro

A seguito della pubblicazione della legge 151 del 23 luglio 2020 nella Gazzetta ufficiale n. 658 del 24 luglio 2020 sono state fatte aggiunte e modifiche al codice del lavoro in termini di discriminazione contro i dipendenti.

Così qualsiasi discriminazione, diretta o indiretta, contro un dipendente, per associazione, molestie o vittimizzazione, sulla base di razza, nazionalità, etnia, colore, lingua, religione o origine sociale, caratteristiche genetiche, sesso, orientamento sessuale, età, disabilità, cronica non-malattie contagiose, infezione da HIV, opzione politica, situazione familiare o responsabilità, appartenenza o attività sindacale, appartenenza a una categoria svantaggiata è vietata.

Cos'è la discriminazione per associazione, molestia e vittimizzazione?

La discriminazione per associazione consiste in qualsiasi atto o atto di discriminazione nei confronti di una persona che, pur non appartenendo a una categoria di persone identificate secondo i criteri di cui sopra, è associato o presunto essere associato a una o più persone appartenenti a tale categoria di persone.

Le molestie consistono in qualsiasi tipo di comportamento basato su uno dei criteri sopra indicati e che ha come scopo o effetto il danno alla dignità di una persona e porta alla creazione di un ambiente intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo.

La vittimizzazione è qualsiasi trattamento sfavorevole, la commissione deve essere informato dei motivi della decisione.

Un supplemento ai sensi della presente legge sarà anche fatto per il licenziamento dei dipendenti che sono vietati a causa di razza, nazionalità, etnia, colore, lingua, religione, origine sociale, caratteristiche genetiche, sesso, orientamento sessuale, età, disabilità, cronica non-malattie contagiose, infezione da HIV, opzione politica, situazione familiare o responsabilità, appartenenza o attività sindacale, appartenenza a una categoria svantaggiata.

Che cosa non è la discriminazione?

Tuttavia, esse non costituiscono discriminazione, esclusione o distinzione, restrizione o preferenza rispetto a una particolare attività quando, a causa della natura specifica dell'attività in questione o delle condizioni in cui l'attività è svolta, esistono determinati requisiti professionali essenziali e determinanti, a condizione che lo scopo sia legittimo e proporzionato.

Quali sono le sanzioni previste?

Il mancato rispetto di queste disposizioni costituisce un reato ed è punibile con una multa che va da 1.000 lei a 20.000 lei.

Copyright© 2005-2020, Ascent Group. All rights reserved. Politica de confidențialitate (Privacy policy)